BlogNews BlogNews lavagnabianca | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

lavagnabianca RIPENSARE LA SCUOLA
Latte di mandorla
post pubblicato in STORIE, il 25 dicembre 2008
Torno a casa dallo stravizio alimentare della cena di vigilia, col mal di testa e un po' di sintomi d' indigestione.
Controllo il telefonino e ci trovo un sms di H.C., la ragazzina cinese che era tanto brava in matematica e poi si é trasferita con la famiglia, in un'altra città, in un'altra scuola, in un altro mondo che (stando a ciò che dice Cammy) trova inospitale.
"Buon Natale" dice in messaggio ed é postato alle 00.12.
Cara H.C., non so nemmeno se per te sia Natale, ma tu sai che lo é per me.
Ricordo che mi portavi i mandarini e che, quando ti venni ad incontrare alla stazione un'ora prima (perché un'altra corriera non avresti potuto prenderla) ti presentasti con del pesce fritto perché io potessi fare colazione.
Ricordo i tuoi occhi inumiditi, di pianto che non sgorgava, quando venisti ad accomiatarti, tra l'indifferenza dei tuoi compagni, la tua smorfia avvilita verso la distrazione del loro "ciao" e i tuoi occhi che riuscivano a sorridere.
Buon Natale H.C.!
E buon Natale a tutti gli insegnanti che sono (ancora) capaci di ascoltare i ragazzi.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. scuola natale studenti stranieri

permalink | inviato da mariabetta il 25/12/2008 alle 1:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa
La storia di Russell
post pubblicato in STORIE, il 23 settembre 2008
La prima A è una classe inquieta, litigiosa, male organizzata.
Gli insegnanti ci entrano di malavoglia, i genitori si lamentano.
I rappresentanti sono spesso a colloquio col dirigente: lui sembra l'unico disposto a tentarle tutte per trovare una soluzione.
A lui i ragazzi chiedono il permesso di avere un pet.
La pet teraphy é ormai riconosciuta come una valida risposta a situazioni di disagio. Il dirigente acconsente.
Da lunedì porteranno a scuola il loro criceto.

Io non dimenticherò mai la mattina in cui, entrando in prima A, mi fu presentato Russell.
Le ragazzine ed i ragazzini raggianti, eccitati dalla novità; le mani di Maddalena (il nome è di fantasia) che mette il topino nelle mie mani perchè facciamo amicizia.
Io sono divertita e perplessa: sto pensando a come scentrare la loro attenzione dal roditore per riportarla allo studio.
"Ragazzi! Russell è molto confuso ed emozionato anche lui. E' piccolo e trema. Forse il rumore gli da noia. Che dite se lo facciamo dormire un po' al buio? Forse si rilassa..."
Avuta l'approvazione, colloco il criceto dentro alla giacca di velluto che indosso, tra il seno e la spalla ed inizio a spiegare nel silenzio generale.

Il criceto farà i miracoli che tutta la didattica di 'sto mondo non aveva fatto: i ragazzi diventano più quieti, più solidali: trasformati in "genitori" responsabili di quel buffo animaletto, cominciano ad esprimersi al loro meglio.
Il profitto aumenta, l'attenzione è più vivace.
Secondo turni e ruoli concordemente regolati, si prendono cura di Russell e della sue necessità. Ci sono gli addetti al cibo, alla pulizia, al tutoraggio domenicale.

Ma c'è qualcuno che contento non è, proprio per niente.
E' stato compiuto un reato di lesa maestà dal momento in cui il Signor Preside ha deciso autonomamente, senza chiedere l'approvazione del Consiglio di Classe.
Le cose vanno meglio? E chi se ne importa? Noi non siamo state consultate, dicono alcune professoresse: riusciremo a madare via quell'animale di lì.

Entro in aula e vedo di nuovo lo sfascio di prima.
Molti sono in piedi e puntano il dito, urlando, contro Adriana, che piange.
"Allergica ai criceti, eh?"  "Ma non potevi dirlo prima?" "Sei allergica? Facci vedere le chiazze sulla pelle!" "Bugliarda!"
"Ma io non ho colpa! L'ha detto mia madre!"

Adriana non ha più "insufficiente" in Italiano, ora ha "discreto".
Quello che ha perso sono gli amici e solo Giulia, la compagna di banco, le parla ancora.
Maddalena è in fondo all'aula che sta portando a termine il terzo ampliamento della casetta del criceto.
"Ma che cosa lo fai a fare?" dice Giorgio "che lunedì ce lo portano via?"
"Beh, io lo faccio! Potrebbe sempre avvenire un miracolo!"






Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. scuola pet terapia

permalink | inviato da mariabetta il 23/9/2008 alle 15:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa
Sfoglia settembre